Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando su "accetta" acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai all'informativa.

"Dalle Regge d'Italia" | I restauri

Ultima modifica il 15 Maggio 2017

 

RS6LXLV.jpg

 

Insieme alla Reggia di Venaria anche il Centro festeggia i 10 anni di restauri dall’inaugurazione della residenza sabauda nel 2007.

Da sabato 25 marzo le Sale delle Arti della Reggia di Venaria ospiteranno la mostra “Dalle Regge d’Italia”.

Oltre ai dipinti provenienti da Palazzo Reale, dall'Archivio di Stato di Torino e dalla Palazzina di Caccia di Stupinigi, il Centro si è occupato del restauro e rimontaggio del maestoso trono con baldacchino di Vittorio Emanuele II proveniente dal palazzo del Quirinale.

Particolarmente impegnativo il restauro effettuato nel laboratorio di Manufatti Tessili sui velluti di seta cremisi ottocenteschi del trono, fortemente abrasi e lacunosi, su cui è stato effettuato un intervento conservativo e di risarcimento estetico grazie all’applicazione di veli di seta tinti appositamente in laboratorio.

RY7LND7.jpg      RYK78PP.jpg

 

Un caso di studio particolare ha riguardato la coppia di piedistalli di Pietro Piffetti delle collezioni del Quirinale, provenienti in origine da Palazzo Reale di Torino. I due piedistalli dovevano sostenere due sculture raffiguranti “San Michele Arcangelo” e il “Ratto di Proserpina”.

In occasione degli studi promossi per la mostra, il Centro ha potuto effettuare analisi sulla struttura e sulla decorazione e restaurare interamente l’opera eseguita per la statua di “San Michele Arcangelo”.  In mostra i visitatori potranno quindi confrontare i due capolavori di Piffetti, osservando lo stato di conservazione prima del restauro, nel caso del piedistallo per il “Ratto di Proserpina”, e dopo il restauro per “San Michele Arcangelo.

Gli studi del Centro proseguiranno anche dopo l’esposizione con il restauro del secondo piedistallo.

21.piffetti.jpg

 

Il laboratorio di Arredi Lignei si è misurato anche con una importante e complessa scultura lignea dipinta a finto marmo e finto bronzo raffigurante “L’apoteosi di Vittorio Emanuele II” di Valentino Panciera Besarel del Museo Borgogna di Vercelli.

Nel corso del restauro è stato possibile approfondire molti aspetti sia di tecnica esecutiva che conservativi. I risultati degli studi storici e tecnici sull’opera saranno presentati il 4 maggio al Museo Borgogna alla conferenza “Dalle Regge d’Italia: Besarel alla corte del Re. Conversazione con Andrea Merlotti”.

 Vai al link della conferenza

29.apoteosi.jpg

 

Tutte le fotografie dei restauri e delle fasi di allestimento della mostra nella gallery sul nostro sito.

 

EVENTO SPECIALE GIOVEDI' 18 MAGGIO, ORE 17, REGGIA DI VENARIA

Giovedì 18 Maggio alle ore 17 i visitatori della Reggia di Venaria saranno accompagnati in mostra dai restauratori del Centro in un percorso speciale dedicato ai piedistalli, opere di Pietro Piffetti, e al trono con baldacchino di Vittorio Emanuele II, capolavori provenienti dalle collezioni del Palazzo del Quirinale.

La visita guidata sarà a cura di Paolo Luciani e Roberta Capezio, coordinatore e restauratrice del Laboratorio arredi e sculture lignee e di Lucia Zanus Forte, collaboratrice del laboratorio di Manufatti Tessili.

Tutte le informazioni alla pagina

 

mibact Regione Piemonte LOGO CITTAMETROPOLITANA TORINO1 Comune di Torino Comune di Venaria Reale Università degli Studi di Torino logo compagnia di san paolo black Fondazione CRT

Fondazione Centro Conservazione e Restauro dei Beni Culturali La Venaria Reale - Via XX Settembre 18 - 10078 Venaria Reale (TO) Italy - Sede legale: Piazza della Repubblica - 10078 Venaria Reale (TO) Italy - Tel. +39 011 4993.011 - Fax +39 011 4993.033 - Email: info@centrorestaurovenaria.it - PEC email: direzione@pec.ccrvenaria.it - Partita IVA 09120370011 - Codice Fiscale 97662370010

Privacy Cookie Policy                                                                                                                                     2012 | Designed by Andrea Martina